Diari dalla Transilvania: i dintorni di Cluj (Carpazi, villaggi & C)

Un’escursione sui Carpazi, la polenta in un villaggio tradizionale, il parco giochi negli abissi della miniera, due passi nel canyon. Serve altro? Ecco le tappe imperdibili nei dintorni di Cluj

Vi è piaciuto l’articolo della settimana scorsa su Cluj-Napoca, capitale ufficiosa della Transilvania e mecca universitaria della Romania? Questa città (dove ho lavorato in un ostello con Workaway) è anche un’ottima base per scoprire alcune attrazioni turistiche note non solo nella regione ma in tutto il Paese. Un vero e proprio assaggio della bellezza transilvana nel raggio di poche decine di chilometri (ecco la mappa)! Pronte?

CARPAZI: TREKKING IN MONTAGNA
Andare in Transilvania senza fare un salto sulle montagne è come visitare Roma dribblando il Colosseo. Parliamo della catena dei Carpazi, la cui silhouette dà forma a questa terra.
Visto che mi hanno sconsigliato di andare sola, sia per i trasporti carenti sia per il rischio di perdermi, mi sono unita a un tour del Club Apuseni, ONG di Cluj specializzata appunto nelle escursioni sui monti Apuseni, nei Carpazi Occidentali.
Ho fatto così trekking per un giorno sulla Vlaseada, una montagna di 1.800 m. Ero l’unica straniera in un gruppo di 50 rumeni, e la cosa fantastica è che si sono tutti prodigati per farmi sentire a mio agio! Per fortuna perché è stata una lunga giornata: partenza alle 6:45 e rientro alle 21. Già solo il viaggio in pullman è stato bellissimo, fra colline e villaggi tradizionali.
Arrivati a destinazione per le 9, abbiamo camminato per ben 20 km tra grandi prati circondati da pinete fittissime, fino a raggiungere la cima della montagna con una vista spettacolare.
Come mi ha raccontato Ildi, nata a Cluj e trapiantata in Sardegna, le è successo di sentire i lupi ululare e vedere i loro occhi luccicare nella foresta al calar del buio… storie tremendamente transilvane!

3

Info utili
Sulla pagina Facebook del Club c’è il calendario con trekking di diversa lunghezza e difficoltà (è sempre scritto tutto in rumeno, daje de Google Translator). Per prenotare basta mandare una mail o telefonare, e si paga in contanti il giorno della gita (nel mio caso 90 lei, circa 20 euro). In quanto straniera credo di aver avuto un trattamento preferenziale perché gli altri avevano pagato in anticipo.
Anche il Retro Hostel organizza tour in montagna e non solo, ma li ho trovati piuttosto cari.

dintorni di cluj

RIMETEA: UN VILLAGGIO DA FIABA
Rimetea non si trova nemmeno sulla Lonely Planet, ma è nel mio cuore come uno dei ricordi più belli del viaggio in Transilvania. L’ho scoperta nell’angolino di un depliant turistico, che in poche righe descriveva questo minuscolo villaggio a circa 60 km da Cluj. Così, io e il mio “collega” workawayer brasiliano siamo partiti per una gitarella in giornata.
Più ci si avvicina a Rimetea, e più la natura ti avvolge tra colline e montagne incantate. Arrivati a destinazione, un sorriso a 45 denti mi ha illuminata: un silenzio ovattato fuori dal mondo (per il villaggio passa una solo strada), piccole casette rigorosamente bianche e la maestosa montagna di Szekelyco alle spalle. Rimetea è infatti ideale per fare trekking a diversi livelli. Per me la cosa più bella è stata passeggiare fra le sue viuzze ammirando la particolare architettura e godere della quiete. È facile incontrare anziani agricoltori da manuale, con il cappello di paglia e un viso d’altri tempi. Se poi aggiungete un piatto di polenta sedute sulle panche di legno del ristorante Szarvas, il godimento è totale (Strada principale, insegna rossa). In questo piccolo villaggio poi potete visitare la chiesetta da fiaba del 1700 (nella foto di apertura).

dintorni di cluj

Info utili
Raggiungere Rimetea da Cluj senza macchina non è semplice. Io e il mio collega abbiamo preso un bus fino ad Aiud (12 lei, circa 3 euro, cercate gli orari su questo sito), e da lì avremmo dovuto prenderne un altro all’apposita a stazione. Uso il condizionale perché abbiamo optato per un sano autostop, e al ritorno abbiamo fatto solo quello.

dintorni di cluj

LA MINIERA DI SALE: NEGLI ABISSI DI TURDA
La miniera di sale di Turda è un vero e proprio must per chi soggiorna a Cluj (a soli 30 km), e una delle maggiori attrazioni della Romania. Parliamo di un’antica miniera con pozzi scavati in centinaia di anni da chissà quanti operai. Dopo aver fatto un lunghissimo corridoio, quando ti accoglie nelle sue profondità (preparatevi a fare centinaia di scalini o una lunga coda davanti all’ascensore) si trasforma in qualcosa di surreale. C’è una ruota panoramica, un lago con acqua color della pece su cui fare un giretto in barca, un parco per bambini, un anfiteatro ma non solo: tavoli da biliardo e ping pong, minigolf e ovviamente negozi di souvenir.
Questa miniera è un mix insolito di abissi e statue di santi benevoli, di utensili arruginiti e illuminazione moderna. Merita soprattutto per la  spettacolare vista dall’alto, con le persone che sembrano formichine. Onestamente, non l’ho trovata una tappa imperdibile del viaggio in Transilvania, ma è anche vero che quel giorno avevo il cuore a pezzi e non ero nel mood. Infatti tutti quelli che me ne hanno parlato l’hanno adorata.

dintorni di cluj

Info utili
Il biglietto costa 30 lei (circa 7 euro), ed è aperta tutti i giorni fino alle 16. Copritevi a dovere perché fa piuttosto freddo, e se potete evitate i weekend perché c’è un delirio di gente. Ci sono due ingressi: quello di Strada Salinelor 54b vicino al centro città, e quello di Strada Aleea Durgaului 7 in mezzo alla campagna con tanto di parcheggio.
Da Cluj si arriva prendendo il bus da Piata Stefan Cel Mare all’incirca al numero 5 (c’è sempre gente che fa autostop). Io però sono finita su un taxi collettivo abusivo al costo di 6 lei (nemmeno 2 euro). Per il ritorno invece ho preso il bus ufficiale: la fermata è in Piata Basarabei sul lato del parco a 5 minuti da Strada Salinelor (pagate 6 lei al conducente).

dintorni di cluj

GOLE DI TURDA: DUE PASSI NEL CANYON
Turda caput mundi: oltre alla miniera di sale, a circa 6 km dalla cittadina si trovano le Gole di Turda, in rumeno Cheile Turzii. Parliamo di una specie di canale scavato fra due montagne dal fiume Hasdate nel corso dei secoli. Si trovano anch’esse nei monti Apuseni, e quindi nei Carpazi. Grazie alla ricchezza della flora, le Gole di Turda fanno parte di una riserva naturale: su 3.000 piante rumene, qui se ne trovano ben 1.000. Sul fondo del canyon c’è un  percorso lungo il fiumiciattolo. Si è in mezzo a una natura rigogliosa e selvaggia, con pareti alte fino a 300 m e quasi completamente verticali; il sentiero è ben tracciato, e nei punti più stretti ci si può attaccare alle corde (attente in caso di pioggia perché si scivola). Camminando stile marcia dell’esercito (ero insieme al mio immancabile collega brasiliano e al suo amico tedesco) ci si mette poco più di due ore tra andata e ritorno. Ma la bellezza secondo me sta proprio nel sedersi un attimo e godersi la musica della natura.
Terminata la passeggiata nel canyon, si giunge in una vallata che sembra l’Eden. Con il gorgoglio dell’acqua e il vento che accarezza le fronde, la voglia di tornare alla civiltà tocca i minimi storici.

dintorni di cluj

Info utili
L’ingresso alle Gole costa 4 lei (circa 1 euro). Raggiungerle è una vera conquista. Da Cluj bisogna prendere un bus per Turda (in Piata Stefan Cel Mare, poco più in là rispetto alla fermata per andare alla miniera, 4 lei al conducente), e una volta a Turda prendere un altro bus che lascia a circa 5 km dalle Gole. Quindi se non avete la macchina, consiglio di prendere il taxi da Turda (35 lei, circa 8 euro) o di fare autostop, soluzione scelta da me e dai miei accompagnatori (siamo finiti anche strizzati su un camper).

dintorni di cluj

9 commenti Aggiungi il tuo

  1. Ultimamente si inizia a sentir parlare di questi posti che nonostante la bellezza sono poco conosciuti (da un lato forse meglio così, almeno non sono ancora mete super turistiche). Mi piacerebbe molto vedere la Romania, soprattutto ora che ci sono tanti voli low cost anche da Torino.
    Buon weekend!

    Liked by 1 persona

    1. Davvero anche da Torino? Buono a sapersi! In realtà questi posti sono sconosciuti a noi italiani perché ho incontrato tantissimi stranieri! Però sì per fortuna il turismo massiccio ancora manca.

      Liked by 1 persona

  2. Ally Blue ha detto:

    Bellissimo !!

    Mi piace

    1. Grazie😘 E mi raccomando, metti la Transilvania in agenda😉

      Mi piace

      1. Ally Blue ha detto:

        Si lo è già! Una mia amica è di quelle parti .. e me ne ha parlato così tanto che la curiosità è tantissima ormai! E’ solo questione di quando 😊😊

        Liked by 1 persona

    2. Mi raccomando se passi per Cluj vai all’ostello dove lavoravo io, lo Youthink, è magico! Ne parlo in un paio di articoli!

      Mi piace

      1. Ally Blue ha detto:

        Ma certo se passeremo per Cluj ti passeremo a fare un saluto. Così ci incontreremo di persona 😊

        Liked by 1 persona

      2. Sarebbe bellissimo ma ormai sono tornata da un po’ ero lì questa estate 😊

        Mi piace

      3. Ally Blue ha detto:

        Oops … non so il perché ma il tuo commento mi è stato notificato solo adesso! 😉

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...