Viaggiare leggendo: 10 titoli per scoprire 10 Paesi

Oggi metto al vostro servizio non solo la mia passione per i viaggi ma anche il mio amore per la lettura, che rasenta la nerdaggine. Nel corso degli anni si è creato un sodalizio fortissimo: ogni volta che faccio un viaggio, cerco un libro ambientato nel Paese che visito per immergermi totalmente nella sua cultura, nella mentalità della sua gente, nella sua storia. E lo faccio anche per destinazioni che sogno ma che ancora mi mancano! Ci sono infatti libri in cui la location è protagonista tanto quanto i personaggi. Un po’ come New York in “Sex and the City” per intenderci. Ecco quindi 10 titoli che vi faranno scoprire 10 Paesi, dalla Malesia alla Francia, dall’Afghanistan alla Romania, India inclusa!

viaggiare coi libri titoli

TURCHIA: “La bastarda di Istanbul” di Elif Shafak
E dopo il mio ultimo viaggio in Turchia, non potevo non cominciare dal bellissimo romanzo di questa autrice che amo! Dai pescatori sul ponte Galata alle case di legno sul Bosforo, descrive Istanbul talmente bene da farti sentire il profumo delle spezie. E altrettanto bene racconta il genocidio armeno, un pezzo di storia turca che non può essere cancellato.

STATI UNITI: “Follie di Brooklyn” di Paul Auster
Questo è un romanzo che ho adorato, sarà che l’autore a Brooklyn ci vive e l’amore che prova per il quartiere si percepisce in ogni riga di ogni pagina. E a dare il tocco magico sono questi personaggi apparaentemente così astrusi (e normalissimi per la Grande Mela) ma così tremendamente umani. Lo rileggerei anche solo per il pezzo finale, ma non vi spoilero niente…

MALESIA: “La madre del riso” di Rani Manicka
La cosa che mi è piaciuta di questo romanzo è il fatto che attraverso le sue parole l’autrice ti catapulta in un Paese completamente diverso da quello occidentale, in cui l’approccio alla vita, al dolore, a ogni cosa è impregnato di credenze e tradizioni a dir poco sconosciute. Un secolo di storia malese raccontato a metà fra sogno e realtà.

FRANCIA: “Casino totale” di Jean-Claude Izzo
Izzo lo amo fino al midollo, perché in tre parole sa cogliere l’essenza di tutto e tutti. Della sua Marsiglia tanto amata e odiata, tra pastis, malavita e salsedine, e del protagonista Fabio Montale, polizitto figlio di immigrati italiani e arrabbiato con la vita. Primo libro della Trilogia di Marsiglia, vi obbligherà a leggere d’un fiato anche gli altri due.

AFGHANISTAN: “Mille splendidi soli” di Khaled Hosseini
Non lo nascondo, questo romanzo è straziante. Soprattutto se si pensa che l’autore l’ha scritto rifacendosi a vite reali. Ma come tutte le cose che toccano il cuore, ne vale la pena. La storia è quella di un Paese tormentato, e delle due meravigliose e coraggiose protagoniste. Impossibile non incazzarsi per loro, e per un Afghanistan che merita un po’ di pace.

viaggiare coi libri titoli

CINA: “La misteriosa morte della compagna Guan” di Qiu Xialong
Primo libro della serie dell’ispettore Chen Cao, non ha una di quelle trame travolgenti, ma ha la capacità di portarti di peso nella Cina contemporanea senza farti pagare il volo. È ambientato nella Shanghai post Rivoluzione culturale degli anni Novanta. Quello che amo di più? La descrizione dei piatti della cucina cinese che accompagnano ogni pagina!

ROMANIA: “Lungo la via incantata” di William Blacker
L’ho letto mentre ero in Transilvania e lungo le sue pagine sono rimasta incantata pure io! L’amore di questo autore inglese per la Romania, in cui si è trasferito dopo la caduta del Muro, è commovente. La illustra nella sua genuinità senza tempo, tra la vita dei contadini che segue ancora il ritmo delle stagioni, e l’affascinante sregolatezza degli zingari.

INDIA: “Shantaram” di Gregory David Roberts
Lui l’ho pedinato al Salone del Libro di Torino, e l’ho placcato per dirgli quanto ho adorato il suo romanzo. Più che fiction è la sua autobiografia, in cui racconta la vita di fuggiasco australiano approdato a Bombay: slum e malavita, filosofia e carcere, c’è di tutto. E soprattutto personaggi talmente veri che sembra quasi di averli di fronte (Prabaker nel cuore).

BIRMANIA: “L’arte di sentire i battiti del cuore” di Jan-Philipp Sendker
Non fatevi bloccare da questo titolo sdolcinato. Il romanzo è sì di una dolcezza struggente ma non in stile Harmony. Parte come un thriller da New York per poi approdare in una tranquilla cittadina birmana: tazze di tè, capanne spartane, rispetto senza limiti per gli affetti e per la famiglia, il tutto condito dalla quiete buddista. A dir poco delizioso.

SPAGNA: “L’ombra del vento” di Carlos Ruiz Zafón
In questo libro Barcellona è più di uno semplice sfondo: con la sua storia post guerra civile, le sue vie nebbiose e i suoi quartieri va a braccetto con le storie intricate dei personaggi (meraviglioso Fermín). Il dolore del passato e l’enigma della trama si fondono nelle sue strade. Mistero, romanzo gotico, passioni: un mix meraviglioso senza etichette.

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Luca ha detto:

    Complimenti, sia per aver fatto così tanti viaggi, sia per i tanti titoli che sei riuscita a trovare! 🙂
    Di questi conosco Paul Auster, di cui finora ho letto la Trilogia di New York, ed il Diario d’inverno), poi ho letto Shantaram (ed anche il seguito), ed anch’io l’ho trovato formidabile per le descrizioni. Poi ho letto “L’ombra del vento”, e mi è piaciuto molto!
    Degli altri libri da te suggeriti, mi piacerebbe continuare a leggere i romanzi di Auster (quello cui miro ora è l’acquisto di “Il taccuino rosso”, visto che viene citato – non a mo’ di titolo – in entrambi i libri che ho letto). poi il terzo ed ultimo volume delle avventure di Roberts, iniziate con Shantaram. E poi… boh, non saprei…
    Buon pomeriggio! 😉

    Mi piace

    1. A beh però bel lettore anche tu vedo! Bene bene! Il seguito di Shantaram vorrei leggerlo in India, perché prima o poi andrò! Sulla scia di Paul Auster che mi sono sparata dopo il viaggio a New York ti consiglio “La 25a ora”, è davvero spaziale, e anche “Questo bacio vada al mondo intero” che mi ha folgorata (titolo tradotto orendamente, anzi inventato proprio). Io invece sono ancora immersa nella mia Turchia, avrei ancora altri titoli 😉

      Piace a 1 persona

      1. Luca ha detto:

        Buongiorno! 🙂 Grazie del complimento: in realtà mi piacerebbe più riempire la mia libreria di saggi, e lasciare i romanzi in qualche punto bookcrossing, per lasciare in circolo la lettura. Grazie anche dei titoli di Auster, magari quando passo alla Feltrinelli li cerco. Ti auguro una meravigliosa giornata! ❤

        Mi piace

    2. Grazie anche a te! 😊
      PS: non sono titoli di Auster ma di altri autori super bravi!

      Piace a 1 persona

      1. Luca ha detto:

        Ah, scusa… grazie, buon pomeriggio! 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...