Una milanese al Sud? Keep calm e stai serena

Le volte che sono andata al Sud si contano sulle dita di una mano, e si abbassano tutte solo se contiamo anche Monopoli quando avevo 10 anni. Sono stata dunque in Salento, a Napoli, e recentemente a Palermo (per piacere) e a Bitonto (per lavoro, a breve un bell’articolo). Queste ultime due località le ho visitate in meno di un mese, sono tornata dalla Puglia proprio lunedì.
Ebbene, questi due viaggi così ravvicinati non potevano che scatenare in me una serie di profondissime riflessioni. La differenza di mentalità fra il Nord, da cui provengo, e il Sud che approccio da completa forestiera a volte è quasi abissale.
Chiaramente è il mio personale punto di vista, quello di una milanese doc calata nella calda atmosfera del meridione. Ma diamo fiato alle elucubrazioni.

meglio il nord o il sud

– Il cibo a dir poco celestiale. La mia idea è che al Nord il cibo sia sempre funzionale a qualcosa. È vero che in Italia  è una fetta fondamentale della nostra cultura, non è solo nutrimento, è una goduria. Ma mentre da noi ho la percezione sia utile, vuoi al tipo di lavoro, vuoi per combattere il freddo, mi sembra che al Sud sia semplicemente un puro piacere, quel qualcosa che ti aiuta ancora di più a goderti il momento. Infatti c’è una variante di specialità che noi nordici ci possiamo sognare di notte (nella foto, focaccia pugliese da leccarsi i baffi).

meglio il nord o il sud

– Il pranzo in spiaggia. L’unico giorno in cui avrei potuto fare il bagno settimana scorsa in Puglia, non sono riuscita. Dunque, fossi stata da sola mi sarei portata delle frutta leggera-leggera, un’insalatina di riso o un tostino, ma i bitontini sono arrivati dalla pescheria con due quintali di risopatatecozze e una frittura di polipi, anelli di totano e scampi che avrebbe potuto sfamare il continente. Senza contare la birra, Peroni ovviamente. Dopo tutto quello che ho mangiato, erano terrorizzati pucciassi il piede in acqua, e a ragione perché sarei colata a picco in 3 secondi.

una milanese al sud

– Il rapporto con la strada. Questa è una delle cose che più mi fa impazzire del Sud. Penso sia dovuto al caldo, al fatto che con temperature quasi africane stare chiusi fra quattro mura sia impossibile. Da qui, il tratto di strada davanti a casa diventa una prosecuzione della casa stessa. Non solo si stendono i panni, ma si “arreda” con tavoli e sedie. Ditemi se nella foto qui sotto, che ho scattato a Palermo, non sembra di stare in un salotto on the road. E fra l’altro, sono convinta che se ci fossero stati i proprietari e gli avessi fatto i complimenti, mi avrebbero invitato a sedermi. Perché vivere la strada porta a socializzare: che sia questo il segreto del calore umano del Sud?

una milanese al sud

– La concezione del tempo. Ecco il tasto dolente. Il mio tempo deve essere produttivo, sempre, comunque e ovunque, altrimenti lo perdo. Certo, posso fermarmi un attimo, ma se questo attimo diventa troppo lungo mi viene l’orticaria. Pure in vacanza non mi fermo mai, vado in giro – faccio cose – vedo gente. Ebbene, in questi incontri ravvicinati col Sud ho imparato che mi posso concedere anche un po’ di calma. Stare seduta a bermi una spremuta di frutta locale, non è stato un minuto perso ma un minuto guadagnato per capire il territorio. Non deve per forza durare tutto una frazione di secondo per poter così fare qualcos’altro, e qualcos’altro e qualcos’altro ancora.

meglio il nord o il sud

In questo caso, i luoghi comuni si sprecano, noi milanesi andiamo sempre di corsa, e al Sud non hanno voglia di fare un cazzo. Ovviamente la verità sta sempre nel mezzo. Ma alla fine, il viaggio che cos’è se non un’opportunità per confrontarsi con se stessi e con il mondo? Certo, può essere semplicemente un guardare il panorami e niente più, ma perderemmo la cosa più importante che solo la conoscenza delle altre persone ci dà: lo scambio culturale. Sarebbe fantastico se ogni volta riuscissimo a prendere il bello dagli altri e a dare il bello di noi. Andare oltre gli stereotipi e i paletti che ci imponiamo.

meglio il nord o il sud

E tornando alla giornata al mare, non ho fatto il bagno fondamentalmente perché siamo arrivati in ritardo, perché se fossimo stati puntuali avrei avuto più tempo per digerire quei due quintali di cibo e fare un tuffo, e potete immaginare cosa significhi per una milanese che il mare non lo vede mai.
Abbiamo fatto tardi perché, durante il tragitto in bici in mezzo agli uliveti, ci fermavamo ogni due minuti a cogliere dalla pianta i gelsi, le mandorle e i fichi. E ce li gustavamo lì sul posto, facendo due chiacchiere. Proprio come quando avevo dieci anni nel mio primo viaggio in Puglia, sono tornata bambina. E sapete che c’è? Abbiamo fatto tardi, non ho fatto il bagno, ma va bene così.

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Hai visitato delle città davvero fantastiche come Napoli e Palermo, ottima scelta! Personalmente penso che il cibo del sud sia tutt’altra storia… La foto della frittura poi è così invitante, che darei per mangiarla ora!! – P.

    Liked by 1 persona

  2. In quattro giorni mi sono magnata questo mondo e quell’altro, e non ho la minima intenzione di pesarmi😂

    Mi piace

  3. Valiziosa ha detto:

    Palermo… *___* Così mi fai venire la nostalgia. È l’acquolina perché la quantità di cannoli che ho mangiato in 3 giorni penso sia ancora un record locale. La realtà è che dovremmo prendere ognuno qualcosa ‘in prestito’ dall’altro, un atteggiamento, un modo do vivere o anche solo una ricetta. Nord, Sud, est, italiani e non, poco importa. Vivremmo tutti molto meglio

    Liked by 1 persona

    1. A voglia guarda, più che meglio, meglierrimo! Soprattutto se mi insegnassero a cucinare il mio amato sfincione palermitano 😍

      Mi piace

  4. io sono meridiana al 100% ed ho vissuto diversi anni tra toscana e lombardia. La tua analisi oltre che molto simpatica è anche appropriata ma devo dirti che io trovo dei fortissimi denominatori comuni di italianità. Sia sugli orari che sull’approccio al cibo, ad esempio

    Mi piace

  5. Sei sicura?! Guarda che noi milanesi siamo davvero delle brutte bestie😉 Scherzi a parte, non bastano tre viaggi al Sud per capirlo davvero, so solo che mi piace… e che voglia andare in Calabria😂

    Mi piace

  6. Katia ha detto:

    Ahah sai che quando hai parlato della concezione del tempo, mi hai ricordato il film Benvenuti al Sud (o Benvenuti al Nord… non ricordo) ne quale dicono “quelli del nord corrono sempre, ma sempre. Dove vanno?”. Quante risate 😀
    Comunque, da bolo-salernitana posso confermare che il tempo e la velocità cambia tantissimo da nord a sud

    Liked by 1 persona

    1. Ma veramente, ma dove andiamo?!😉
      Non ho visto nessuno dei due film ma a sto punto me li guardo 😂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...